giovedì 3 agosto 2017

Con la Scatola dei Ricordi per i 10 anni di Venaria vincete una cena stellata

Nel 2017, la Reggia di Venaria celebra i suoi primi 10 anni dall'apertura. 10 anni che ci hanno restituito non solo una delle più prestigiose residenze sabaude e una delle Gallerie più belle d'Europa, la juvarriana Galleria Grande, ma ci hanno regalato anche un Parco ricostruito filologicamente, arricchito di opere d'arte contemporanea, mezzi di trasporto turistici e grandi eventi., e mostre mai banali e sempre memorabili.


Ed è appunto alla memoria che fa appello la Reggia di Venaria, chiedendo ai visitatori di questi anni di aprire la Scatola dei Ricordi, per condividere quello che è rimasto loro in memoria di questi 10 anni. Una mostra, un concerto, un evento, un momento vissuto nella Reggia, in questi 10 anni. Per condividerlo, sotto forma di video o di fotografia, basta compilare il form che si trova all'indirizzo www.lavenaria.it e allegare il materiale. I ricordi più interessanti saranno condivisi dalla Reggia sui suoi social e quello più emozionante vincerà una cena per due curata da Alfredo Russo, lo chef stellato del Ristorante Dolce Stil Novo della stessa Reggia.


Nelle foto, i miei ricordi più belli della Reggia di Venaria. Le prime due immagini, in alto sono tratte da Il mondo di Steve McCurry, una delle mostre più belle del 2016, per me: mi aveva emozionato l'allestimento, quasi evanescente, che lasciava tutto il protagonismo alle immagini, esotiche e lontane, ma realistiche, che aprivano ad altri mondi, e la musica, che accompagnava, in crescendo, la scoperta delle immagini, mano a mano che ci si inoltrava tra i teli che le sostenevano, nella magnifica architettura delle Scuderie Juvarriane. Le altre due immagini sono della Fontana del Cervo e del suo bello spettacolo musical-coreografico e della Galleria Grande, uno dei posti più belli d'Europa. Per me sono immagini molto care, soprattutto le prime, perché appartengono a una collezione andata perduta causa perdita di computer e hard disk (sì, da allora, salvo tutte le immagini contemporaneamente su computer e hard disk esterno, per evitare simili incidenti). La pubblicazione di queste foto su Rotta su Torino le ha salvate.


Nessun commento:

Posta un commento