Eventi    Luoghi   Made in TO   Progetti   Storie   In viaggio               Chi sono  Contatti

mercoledì 19 aprile 2017

Le Guide Verdi di Michelin lanciano Torino e le Langhe

Torino è una delle città più belle d'Europa, raccoglie oltre 90 stelle Michelin, che significano che sono necessari almeno 4-5 giorni per scoprirla e non sono neanche sufficienti. Parola di Philippe Orain, direttore editoriale delle Guide Verdi Michelin, arivato a Torino per annunciare che nella nuovissima guida Italie du Nord, la Reggia di Venaria Reale e la sua Galleria Grande hanno ottenuto 3 stelle a testa (tra le new entries a 3 stelle nella guida dell'Italia del Nord, ci sono anche la Galleria Vittorio Emanuele di Milano Bergamo e la sua Cappella Colleoni e il Teatro Olimpico di Vicenza).


La Galleria Grande della Reggia di Venaria Reale e la Galleria dei Re del Museo Egizio

Le stelle Michelin vengono assegnate in base a 9 criteri, divisi in tre Categorie (Prima impressione, Patrimonio, Visita). Torino, ha assicurato Orain, risulta vincente sin dal primo impatto, grazie all'architettura imponente, all'armonia delle sue piazze e alla ricchezza dei suoi Musei (ben 3, Egizio, Cinema e Auto, sono presenti nella classifica dei primi 10 Musei italiani e il Museo Egizio è il 1° primo della lista); poi ci sono la notorietà della città, il valore artistico, l'autenticità e lo charme, la piacevolezza della visita, resa possibile dalle strutture e dalla loro accessibilità, e la qualità dell'accoglienza. In tutti questi settori, Torino non ha niente da invidiare alle grandi capitali europee della cultura, non per niente, ha sottolineato Orain, è stata capitale dei Savoia.

Un francese innamorato di Torino e deciso a farla scoprire Oltralpe? Credeteci, è vero. Orain ha sottolineato il lavoro svolto dalla città in questi ultimi anni, dalle Olimpiadi in poi, per essere all'altezza delle esigenze del turismo contemporaneo e per valorizzare il suo patrimonio storico e culturale. Ma, nella promozione della città nel mondo francofono, Michelin va oltre. Comprese le grandi potenzialità della città e dei suoi dintorni, ha deciso di pubblicare una Guida Verde Weekend di Torino, Langhe, Roero e Monferrato, tracciando un ponte tra il patrimonio culturale dell'antica capitale sabauda e quello enogastronomico delle dolci colline adiacenti. Sarà la 61° guida lanciata da Michelin in formato tascabile e uscirà nel 2018 in Francia, Belgio e Lussemburgo.

Il rapporto tra la città e le colline è così stretto che, nello stesso giorno in cui la Michelin ha annunciato la Guida Verde Weekend per il 2018, Torino, Alba e Bra, con le rispettive ATL e la Regione Piemonte, hanno firmato un protocollo d'intesa, per combinare le loro capacità attrattive. Grazie a questo protocollo, ci saranno attività di promozione congiunta a livello nazionale e internazionale, pianificazione di attività di comunicazione e promozione attraverso la rete di trasporti (ferroviaria e aerea... che ci siano anche coincidenze più attente tra treni e autobus!). Interessante che le rispettive ATL saranno presenti anche ai grandi eventi delle altre, per esempio, alla Fiera del Tartufo di Alba ci sarà anche Turismo Torino, al Salone Internazionale del Libro si presenteranno anche Alba, Bra e le ATL di Langhe e Roero. Saranno inoltre pianificate le proposte di escursioni da Torino verso Langhe e Roero e viceversa, la collaborazione con i prestigiosi eventi internazionali del Bocuse d'Or, che vedono coinvolte Alba per la selezione italiana e Torino per la selezione europea e la realizzazione di una brochure congiunta.

Torino, le Langhe e il Roero hanno insomma scoperto che fare rete è indispensabile nella promozione turistica, per farsi conoscere e per portare in Piemonte nuove occasioni di crescita e conoscenza. I risultati, nei prossimi tre anni.


Nessun commento:

Posta un commento